«Cavalleria rusticana» conclude il ciclo teatrale delle «Manifestazioni verghiane» a Vizzini

18/08/2008 20:00
Turi Mancuso

Si conclude con un classico il ciclo teatrale che le «Manifestazioni verghiane» dedicano al teatro ispirato al padre del Verismo. Lunedì 18 agosto a Vizzini (spettacolo unico, inizio alle ore 20), nella suggestiva cornice del quartiere Matrice, va in scena «Cavalleria rusticana» in prosa e musica. La celebre novella, che fa parte della raccolta «Vita dei campi» (1880), sarà rappresentata con gli originali adattamenti musicali del musicista paternese Turi Mancuso e sotto la direzione del regista Turi Giordano.

«Cavalleria rusticana» di Mancuso e Giordano non è, però, una mera e ripetitiva rappresentazione dello scritto verghiano, poiché l’opera, che pur ha come riferimento la novella scritta da Giovanni Verga, segue una propria dinamica narrativa. Un’interessante novità apportata al canovaccio tradizionale sarà la figura del “cuntastorie”, al quale è affidato il delicato compito di raccontare l’antefatto, il tragico duello rusticano e l’epilogo della triste vicenda. La tragedia sentimentale che coinvolge Alfio, Turiddu, Lola e Santuzza sarà, inoltre, caratterizzata da marcati tratti di sicilianità che i due autori hanno volutamente appositamente sottolineare durante il lavoro di adattamento della novella verghiana.

Le «Manifestazioni verghiane» 2008 non terminano, però, con «Cavalleria rusticana». Gli eventi dedicati al celebre scrittore verista proseguiranno dal 20 al 26 agosto con un ciclo di cinematografia che ripropone alcune delle più celebri pellicole ispirate alla produzione letteraria verghiana. In piazza Sant’Agata (inizio alle ore 21) saranno proiettati il «Mastro don Gesualdo» di Giacomo Vaccari, sceneggiato televisivo in tre puntate (20, 21 e 22 agosto), il documentario «I luoghi verghiani» di Alfredo Mazzone (24 agosto) e «La Lupa» di Gabriele Lavia (26 agosto).