Eolian Cetacean Project 2007 - Salina

01/10/2007
29/10/2007

Eolian Cetacean Project - Viaggio nel regno dei cetacei

Isole Eolie (ME) - Salina

1 I 29 Ottobre 2007

 

L'arcipelago delle Eolie, posto al centro del Mediterraneo, rappresenta il sito ideale per un viaggio alla scoperta dell'affascinante e complesso mondo dei cetacei. Grazie a lezioni teoriche e uscite in mare i partecipanti avranno la possibilità di vivere una esperienzea concreta di ricerca sul campo attraverso il diretto contatto con gli animali e l'utilizzo di tutta la strumentazione necessaria per studiarli nel loro ambiente naturale.

Progetto Cetacei Salina

I partecipanti­ avranno la possibilità di scegliere tra due diversi livelli di corso.
Basic:
aperto a tutti coloro che per la prima volta si accostano allo studio dei mammiferi marini.
Advanced: rivolto a chi per studio o passione possiede conoscenze di base e vuole approfondire nozioni sulle tecniche di ricerca in corso sui cetacei.

I corsi vedranno inoltre la partecipazione di alcuni tra i più importanti specialisti italiani nell'ambito delle scienze del mare:
Dr A.Di Natale (Acquario di Genova), Dr E.Casola (ICR Mare), Dr G.Basciano (AGCI Agrital), Dr M.Toccaceli (Soc. Coo. CREA).

Sono ammessi 10 partecipanti per corso.

Fonte:www.necton.it

Per informazioni:info@necton.it / tel. +39 090391646

L'evento è organizzato da:Necton. Società di ricerca marina.

AttachmentSize
Locandina dell'Eolian Cetacean Project386.9 KB
Programma completo e modalità di iscrizione167.64 KB

Comments

tutela e partecipazione

A.N.T.A.
Associazione Nazionale di Tutela Ambientale
Consiglio Scientifico per lo Sviluppo Sostenibile

Il Responsabile
Arch. Roberto Sauerborn
Palermo, 07 maggio 2008

Relazione al tavolo tecnico
per il Piano di Gestione dei Siti UNESCO

E’ indubbio come le Eolie rappresentino, per la storia delle popolazioni del Mediterraneo, un fondamentale paradigma di riferimento grazie alla “stratificazione” storica e culturale che è possibile leggere sul loro territorio. Tracce naturali e artificiali.
Tracce naturali, rappresentate dalla natura vulcanica delle isole. Tracce artificiali, rappresentate dalla loro trasformazione, sin dal neolitico, ad opera dell’uomo.
E sulle tracce artificiali, specialmente quelle recenti, che è in corso un forte dibattito nelle e sulle Eolie.
Nelle Eolie vivono, in maniera stanziale, circa 12.000 abitanti mentre la presenza di popolazione fluttuante raggiunge d’estate punte di 200.000 unità al giorno, con un carico ambientale e sociale incontrollato.
Le isole diventano, così, teatro di modelli di vita estranei che ne alterano l’equilibrio naturale.
Come è noto, con la legge finanziaria nazionale del 2008 sono stati fondati quattro nuovi parchi nel Mediterraneo tra i quali il Parco delle Eolie. I quattro parchi, di cui da anni si sentiva parlare, sono stati istituiti nel 2007. Oggi, finalmente, prende corpo la possibilità di dare un nuovo afflato al tema della gestione eco-sostenibile delle isole minori del mediterraneo.
Per gli addetti ai lavori e, in particolare, per coloro che ritengono fondamentale un approccio eco-sostenibile con il tema dello sviluppo, il Parco rappresenta un’occasione unica per “inventare” un nuovo processo di gestione del territorio.
Le Eolie proprio perché isole e, specificatamente, arcipelago rappresentano un esempio unico di realtà territoriale complessa e articolata in cui, innanzitutto, vi è la necessità di una più attiva e consapevole partecipazione della popolazione locale alla problematica della gestione eco-sostenibile del territorio.
Tale profonda lacuna, si è fatta maggiormente sentire, per la prima volta, proprio in occasione della approvazione del Piano Paesistico delle Isole Eolie.
Gli eoliani, non adeguatamente informati sul significato e sulla portata dell’esistenza di un vincolo paesistico su tutto il territorio comunale ex L.1497/39 già dal 1969, reagirono, anche con veemenza, ritenendo “il vincolo” una limitazione innanzitutto alla proprietà privata e, quindi alla possibilità di trasformare il territorio secondo le esigenze/richieste dettate da uno sviluppo turistico di massa incontrollato.
La fondazione del Parco e, dunque, la gestione sostenibile delle isole, dovrà consentire, innanzitutto, di risolvere il conflitto sociale esistente tra la varie fazioni, indigene e non, tra chi ritiene lo sviluppo solo legato al depauperamento del territorio ed ad un suo uso commerciale e chi lo ritiene un bene culturale.
A tale proposito, di grande aiuto possono essere i nuovi strumenti di partecipazione democratica per un approccio sostenibile alla gestione del territorio quale, ad esempio il processo di Agenda 21 locale oppure, o inoltre, l’implementazione di un processo di certificazione ambientale secondo il Regolamento Comunitario EMAS.
L’avvio di questi processi potrebbe consentire di definire, unitamente alla popolazione locale, una politica ambientale veramente sostenibile.
Infatti, è opportuno ricordare come la sostenibilità presupponga una condivisione degli obiettivi con chi li deve perseguire che è, nella fattispecie, la popolazione locale e che, quindi, deve essere convinta e consapevole del percorso avviato.
Si capisce così, come l’interesse per queste isole, oggi, non possa e non debba più essere solo di carattere turistico ma investe altri aspetti di carattere antropologico e geografico.
Si rende necessaria una sensibilità nuova innanzitutto da parte delle istituzioni vocate al governo e alla gestione del territorio anche al fine di avviare una ricerca utile ad individuare, con esattezza, nuovi indicatori ambientali congruenti con le realtà microinsulari.
Per questo riteniamo che, prima della definizione a priori di azioni utili alla gestione sostenibile del territorio delle Isole Eolie, sia fondamentale l’avvio di un processo di partecipazione democratica, quale è appunto l’A21L che sappiamo essere condiviso dall’Amministrazione Comunale.
A tale proposito, proprio grazie al nostro contributo, l’AC ha preso l’impegno di implementare un processo per il raggiungimento della Certificazione EMAS del comune, anche in sinergia con l’Ufficio Speciale Isole Minori presso la Presidenza della Regione Sicilia e con l’ARPA.
Pertanto, riteniamo che, pur nella più totale condivisione degli obiettivi di tutela e salvaguardia del territorio, sia di fondamentale importanza la ricerca della più totale condivisione con le presenze antropiche oggi esistenti sul territorio.